Menu
Come riconoscere un buon vino

Come riconoscere un buon vino

Siete amanti del buon vino ma non sapete come riconoscerlo senza la guida di un esperto? Non vi preoccupate! Per riconoscere un buon vino non bisogna necessariamente essere dei fini intenditori o dei sommelier, ma è sufficiente fare fede ad alcuni piccoli accorgimenti che vi possono aiutare a definire la qualità di ciò che state gustando o che siete in procinto di acquistare. Le prime informazioni importanti da tenere in considerazione sono riportate sull’etichetta: qui vi troviamo l’annata, i processi di vinificazione scelti, la tipologia di maturazione selezionata e la modalità di affinamento del vino. 

Le caratteristiche del vino

Oltre alle principali informazioni riportate sull’etichetta, per riconoscere un nettare pregiato è bene tenere in considerazione anche altre caratteristiche del vino, quali la filiera di produzione e i marchi di riconoscimento DOC e DOP. Questi due marchi sono infatti indicatori di una buona qualità, la quale però dipende anche dalla durata dell’invecchiamento in bottiglia. Va tenuto a mente che il passare del tempo favorisce il pregio di un buon vino rosso, mentre i bianchi e i rosati andrebbero consumati non oltre un anno dall’imbottigliamento.

Il vino e le sue proprietà

Le informazioni necessarie per stabilire il grado di qualità di un buon vino sono fondamentali anche per determinare i benefici che questo può apportare al nostro organismo a livello psicofisico. Il vino, sia esso rosso, bianco, rosé o spumantizzato, racchiude al suo interno delle componenti che favoriscono la digestione e proteggono la flora intestinale, ma soprattutto ha il vantaggio di essere ricco di antiossidanti che rallentano l’invecchiamento cellulare e prevengono il sopraggiungere dell’osteoporosi. Meglio bianco o rosso? Non esiste una risposta esatta, ma entrambe le tipologie presentano numerose proprietà attive: è da ricordare però che quelle del rosso sono circa dieci volte superiori.

Come fare una corretta analisi del vino

Per una corretta analisi del vino è necessario verificare diverse sue caratteristiche, quali colore, limpidezza, consistenza ed effervescenza. Con un primo esame visivo si controlla la limpidezza di un bianco o di un rosso, ovvero l’assenza di particelle sospese, mentre nel caso degli spumanti bisogna osservarne la brillantezza. Successivamente si deve far roteare il vino all’interno del calice per valutarne la consistenza: più il vino fa “resistenza”, più è consistente e dunque meno fluido. Consigliamo poi di passare ad un esame olfattivo, necessario per individuare possibili difetti dovuti ad agenti esterni, come le muffe o il tappo utilizzato. Ultima, ma non per importanza, la sensazione al palato: questa non deve essere troppo pervasiva, ma deve lasciare una certa piacevolezza in bocca. Infine, per una corretta analisi del vino, vi ricordiamo che questo non deve avere note frizzanti, a meno che non si tratti di uno spumantizzato: in caso contrario, le bollicine sono segno di una seconda fermentazione, avvenuta dopo l’imbottigliamento. Per ogni ulteriore informazione, non esitate a contattare l’Azienda Agricola Marcarini

Facebook Twitter Google+ Pinterest

Lascia un commento

Marcarini - Azienda Agricola
Marcarini - Agriturismo
Marcarini - Wine Shop
Piazza Martiri, 2
La Morra (CN) Italia 
Tel +39 0173 50222
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Località Tinella, 19
Neviglie (CN) Italia
Tel +39 0173 630004
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Via Umberto I, 34
La Morra (CN) Italia
Tel. +39 0173 50222
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
×